Programma Inverno 2021

Care socie e soci.

in attesa che si possano presto riprendere le attività insieme, in presenza ed in sicurezza, abbiamo preparato una serie di incontri online per aiutarci a passare queste ancora lunghe serate invernali.

Iniziamo

MERCOLEDI’ 20 GENNAIO alle 20.30

con il molto atteso

CORSO SULL’UTILIZZO DI KOMOOT

Komoot

Komoot è ormai diventata la app più apprezzata da chi viaggia in bicicletta, e non solo, per pianificare, registrare e condividere percorsi.

Daniele Lanati ripropone un incontro per approcciarsi a questa app dall’utilizzo molto intuitivo.

VENERDI’ 22 GENNAIO alle 21

Susanna e Nadia saranno ospiti di FIAB Rovigo per una replica online dell’incontro

BICICLETTA. SOSTANTIVO FEMMINILE.

Bicicletta è donna

Storia, biomeccanica e pratica di un mezzo inventato dagli uomini che ha avuto un ruolo importantissimo nella liberazione della donna, come scopriremo.

Affronteremo anche alcune questioni “spinose” come sella e fondello, e infine parleremo di quale sia l’equipaggiamento migliore per affrontare un viaggio in bicicletta.

Sarà possibile seguire l’incontro in diretta sul canale YouTube di FIAB Rovigo.

SABATO 23 GENNAIO

dalle 10 alle 12

Passate a trovarci per fare/rinnovare la tessera, fare due chiacchiere, fare proposte, suggerimenti e parlare di progetti futuri, in sicurezza, gentilmente ospitati da

ANDREA LENZINI CICLI

Vi aspettiamo in Viale IV Novembre, 30/A (zona Fiera, dopo il sottopasso della ferrovia a destra).

In ottemperanza alle norme anti-Covid, è consentito di entrare una persona alla volta, mantenendo le distanze.

MERCOLEDI’ 27 GENNAIO alle 20.30

avremo un’ospite speciale da Como: Rosalia Ciancio

DA VENTIMIGLIA A BARCELLONA IN BICICLETTA.

TRE VOLTE.

Rosalia Ciancio, “bicigrina”, di Cabiate, in provincia di Como, il 5 gennaio del 2018 parte con la sua mountain bike per raggiungere la figlia a Barcellona. Ha chiuso il suo bar e si è messa a pedalare. 1000 Km da sola, passando per la Provenza e i Pirenei, in 8 tappe. Non è una ciclista professionista ma una semplice appassionata. Tra disavventure e nuovi incontri, Rosalia ha una missione: portare alla figlia un messaggio positivo e trasmetterle “una bella energia per farle credere di più in se stessa”. Il viaggio? “È una metafora della vita”.

Ci racconterà non uno, ma tre viaggi: infatti Rosy parte di nuovo, sempre d’inverno, anche nel 2019 e nel 2020, sempre per andare a trovare la figlia a Barcellona.

Tre viaggi verso la stessa meta, ma tre viaggi completamente diversi, come scopriremo.

MERCOLEDI’ 3 FEBBRAIO alle 20.30

110 ANNI IN DUE.

TRAIL E GRAVEL SLOW E CON QUALCHE FIORELLINO.

Nell’agosto 2018, Susanna parte per andare a fare il Romagna Bike Trail. Non ha mai fatto un trail in bici, ed anche se ha optato per la versione “corta”, 350km e 6500m D+, è un po’ nervosa.

Arrivata a Ravenna scopre di non essere l’unica donna: c’è anche Karolin, che è arrivata dalla Germania, ed è un po’ nervosa anche lei. La mattina alla partenza, Karolin le chiede di fare il trail insieme.

Nasce così un sodalizio tra le due ultracinquantenni — una Italiana e una Tedesca, una Bianchi e una Bombtrack — fatto di divertimento, fatica e tanto fango e sudore, che le porterà l’anno successivo a decidere di affrontare insieme anche la Veneto Gravel e la Romagna Bike Trail “Lunga”, sempre con i propri tempi un po’ rilassati e senza mai perdere di vista lo scopo: divertirsi, stare nella natura, mangiare bene, pedalare. Senza preoccuparsi di essere le “Lanternes Rouges”.

MERCOLEDI’ 10 FEBBRAIO alle 20.30

Pedalate nel silenzio

UNA BICICLETTA, DUE VIAGGI.

Saranno nostri ospiti Samuele ed Anna, 23 anni lui, 21 lei.

Anna ha fatto parlare di sé su alcune testate trevigiane nel novembre scorso per la sua impresa: da sola, è partita da Roma, dove studia, per tornare a casa a Monastier. 600 km in solitaria, in una settimana, su strade secondarie, con un bagaglio essenziale, e nessuna esperienza precedente di cicloturismo o ciclismo.

In realtà, i viaggi da raccontare sono due: perché Samuele è partito da Treviso per andare a Roma con la bicicletta poi utilizzata da Anna per fare il viaggio inverso.

“La strada parla da sé. In fondo l’aneddoto di base è uno solo, poco avvincente: ho pedalato. Assieme al sudore, la fatica scrolla di mente macigni di idiozie, ristabilisce le priorità. Ho scoperto l’essenziale e a distogliere lo sguardo da ciò che non è importante.”

MERCOLEDI’ 17 FEBBRAIO alle 20.30

Matteo

Da Caorle a Santiago de Compostela in bici

Matteo Nadalon è partito un sabato mattina da Caorle, in sella alla sua bicicletta, con l’obiettivo di arrivare a Santiago di Compostela. Ha deciso di unire due delle cose che rendevano la mamma Donatella, prematuramente scomparsa, ed alla quale ha dedicato questo viaggio, fiera di lui: il suo cammino a Santiago, intrapreso nel 2016, ed il suo impegno nell’insegnare ai più piccoli la passione per la bici. Nel 2016 ha percorso il cammino di Santiago a piedi da Ponferrada a Finisterra, in solitaria, mentre nel 2017 è nata la sua passione per la bici, che lo ha portato anche ad allenare una squadra di giovanissimi della MTB. Per raggiungere Santiago Matteo ha percorso in totale 3.000 km ed attraversato 3 Nazioni, accompagnato da un camper, per dormire e ricevere assistenza in caso di bisogno (con a bordo la sua ragazza Gaia e il suo cane Loki).

MERCOLEDI’ 24 FEBBRAIO alle 20.30

Fiorin

La strada alla fine del mondo.

«Avete presente le strade bianche del senese, quelle della mitica Eroica? Moltiplicate per dieci la difficoltà, sommatevi il clima estremo, sottraete le comodità e dividete per la solitudine. Il risultato si chiamerà Carretera Austral. E sarà il ripio».

Alberto Fiorin è un vecchio amico di FIAB Treviso, avendo condiviso con vari soci diverse avventure ed avendo partecipato a varie presentazioni. Per i tipi di Ediciclo esce ora il suo ultimo racconto di viaggio: “Carretera Austral. La strada alla fine del mondo.”

Giovane liceale, manifestò per la libertà del Cile. Quarant’anni dopo decide di scoprire a pedali la Patagonia cilena, territorio affascinante abitato da una natura selvaggia e spesso ostile, solcato da fiordi, vulcani, foreste impenetrabili abbarbicate all’aspra Cordigliera delle Ande, sconfinate distese di ghiacciai, e popolato di animali selvatici. Alberto monta in bicicletta in compagnia del figlio Fausto e del fidato amico Dino per attraversare questo territorio lungo la Carretera Austral, un must dell’on-the-road, in direzione di Ushuaia. 1240 chilometri verso il nulla faranno rotolare i tre protagonisti verso sud, sballottati come in una centrifuga dal ripio, il famigerato fondo sterrato.

MERCOLEDI’ 3 MARZO alle 20.30

Blanca Hernandez, Basca, classe 1958, dal 1980 vive a Londra. Una vita avventurosa, tra alpinismo, viaggi ed un lavoro appagante.

Nel luglio 2014, corona finalmente il suo vecchio sogno e parte in bicicletta per un lungo viaggio.

Dopo quasi 2 anni, 22,000km e 23 paesi, torna a Londra. Ma l’Africa chiama…..

Blanca ci farà vedere alcune foto, e ci racconterà cosa significa viaggiare in bicicletta, per una donna sola e non più giovanissima. Ci sarà anche modo di porle delle domande.

MERCOLEDI’ 10 MARZO alle 20.30

PEDALARE DOPO IL TUMORE

Debora Bertuola, di Trevignano, nel 2017 ha scoperto la malattia alle ovaie. Due operazioni, sei cicli di chemio, la perdita dei capelli: oggi Debora pedala, e ci racconterà come la bicicletta le abbia insegnato a rialzarsi dopo la malattia.

VI ASPETTIAMO ONLINE!

https://meet.jit.si/FIABTrevisoInverno2021

Ricordiamo che esiste anche un gruppo Whatsapp FIAB Treviso. Scrivete ad adb.treviso@gmail.com se desiderate essere aggiunti al gruppo, specificando il n. di cellulare, per essere aggiornati velocemente su iniziative, gite, mobilità sostenibile, ambiente.

Troverete un gruppo FIAB Treviso Amici della Bicicletta anche su Telegram.