Giovedì 17 novembre 2016 ore 20.45

Bikes vs Cars   Proiezione a Treviso - Cà dei Ricchi in via Barberia 25
Mobilità urbana e sostenibilità  
Regia di Fredrik Gertten

Il 17 Novembre si proporrà la disamina dell’annoso rapporto tra automobile e bicicletta, ma più precisamente del rapporto delle automobili con il genere umano, con la proiezione del film-documentario Bikes vs Cars.
Il documentario, scritto e diretto dallo svedese Fredrik Gertten nel 2015, affronta i temi della sicurezza sulle strade, della dipendenza dal petrolio, dell’inquinamento e dei cambiamenti climatici, lasciando aperta la porta a un velo di speranza su un mondo che possa essere ancora salvato, proprio grazie a un uso diffuso della bicicletta.
La mobilità urbana e il tema della sostenibilità saranno quindi il focus dell’incontro per capire come la bicicletta possa aiutarci a invertire la rotta, aiutandoci nella (ri)creazione di spazi vivibili e ritmi rallentati.
Introduzione al film di Tommaso Bortolanza.


Scarica il volantino fronte


Scarica il volantino retro

 

 LA BICICLETTA COME MEZZO DI COMUNICAZIONE
Sarebbe troppo semplice cercare di definire The Bike Is The Fucking Message una rassegna, un festival o una retrospettiva:
sarà, invece, un vero e proprio contenitore catalizzatore di un sentimento di (divertita) opposizione. Quella che si vuole cercare di modificare è l’immagine stereotipata e riduttiva della bicicletta che relega questo oggetto del nostro quotidiano a mero mezzo di trasporto.
La bicicletta è il primo mezzo che impariamo sin da piccoli a utilizzare per i nostri spostamenti e, purtroppo, è anche il primo che abbandoniamo non appena la comodità dei mezzi motorizzati si rende disponibile. E anche le nostre città, i luoghi che abitualmente frequentiamo sembrano fatti su misura per le grosse scatole su ruote che continuamente plasmano il paesaggio a loro misura.
Oggetto del percorso The Bike Is The Fucking Message è ridisegnare il rapporto tra l’individuo e la bicicletta, trasmettergli un’attitudine culturale che in molti Paesi è già un’avanguardia.
Bicicletta come mezzo di comunicazione:
non solo uno strumento che permette di connettere due punti dello spazio ma anche un sistema di valori che ha un determinato impatto sullo spazio percorso.
Il messaggio che deve arrivare al fruitore, in questo caso, è il mezzo stesso con cui tale messaggio viene veicolato. Attraverso la rappresentazione della bicicletta all’interno dell’ambito artistico e culturale, cercheremo di costruire un senso per questo messaggio, che vada, forse, oltre a tutto quello che lo spettatore ha fino a quel momento appreso sul mezzo.

 

 
Amici della Bicicletta - FIAB, Via Barbano da Treviso 22, 31100 TREVISO | Powered by Joomla! OPENSOURCE GNU/GPL