Sabato 16 luglio 2016


Calalzo - Vittorio Veneto

DESCRIZIONE: La ciclabile delle Dolomiti è un percorso quasi completamente in sede protetta che nella sua parte più famosa utilzza il tracciato originario della ferrovia Calalzo/Dobbiaco. Mentre è facile e quasi ovvio aspettarsi paesaggi straordinari dal tratto dolomitico, con viste impareggiabili lungo la valle del Boite, meno scontato è rimanere (così) colpiti dalla varietà del percorso e del paesaggio del suo tratto più a valle. E' un percorso in parte su sede ciclabile creata ad hoc, in parte ripercorre tratti della statale che da Vittorio si inoltra tra le montagne. Il senso di direzione del giro sarà per noi da nord verso sud e percorreremo - in discesa - tratti dai nomi epici come Cavallera e Fadalto. Percorreremo la sinistra orografica del Piave attraverso strade secondarie poco frequentate, ricche di un fascino forse più sottile di quello dolomitico ma non per questo meno gratificante. A Codissago, circa all'altezza di Longarone, faremo visita al "museo degli zattieri". Dalla diga di Soverzene comincia l'unica parte leggermente più difficoltosa perchè su fondo sassoso ma che stupisce per qualità del tracciato e dei paesaggi. Da santa Croce quindi risaliremo la sella del Fadalto per poi planare su Vittorio da dove riprenderemo il treno.

DETTAGLI:

Ritrovo: stazione ferroviaria di Treviso ore 8.10
Partenza: ore 8.21 con treno bus delle dolomiti
Ritorno: arrivo a Treviso ore 19.00 circa
Difficoltà: media, per lunghezza del tragitto e per continui saliscendi.
Percorso: km. 70 circa
Pranzo: al sacco o in locale pubblico (presso il quale faremo la pausa).
Costo: treno bus delle dolomiti andata e ritorno  comprensivo di contributo Fiab  euro 22,00 + euro 3,00 per museo degli zattieri 
Referente: Marcello 349.7586748
Iscrizioni: il trasporto bici nel treno è a prenotazione obbligatoria, è pertanto necessario telefonare al referente entro mercoledì 13 luglio, è gradito un acconto per l’acquisto dei biglietti del treno.
Importante: massimo 20 partecipanti; portare camera d'aria di scorta; bici dotata dei dispositivi di legge;  consigliato casco e giubbino riflettente; si ricorda che  l'escursione non è attività professionale (vedasi  nota sottostante).
Si raccomanda ai partecipanti di rispettare le indicazioni dell'organizzazione e specialmente di rispettare le norme del Codice della strada; ognuno sarà responsabile del suo comportamento.Si ricorda che la FIAB-ONLUS è un'associazione ambientalista di volontariato e che la presente uscita  non costituisce attività professionale turistica o d'altro tipo. Si declina ogni responsabilità per danni a persone o cose.

Calalzo - Vittorio Veneto

DESCRIZIONE:

La ciclabile delle Dolomiti è un percorso quasi completamente in sede protetta che nella sua parte più famosa utilzza il tracciato originario della ferrovia Calalzo/Dobbiaco. Mentre è facile e quasi ovvio aspettarsi paesaggi straordinari dal tratto dolomitico, con viste impareggiabili lungo la valle del Boite, meno scontato è rimanere (così) colpiti dalla varietà del percorso e del paesaggio del suo tratto più a valle.

E' un percorso in parte su sede ciclabile creata ad hoc, in parte ripercorre tratti della statale che da Vittorio si inoltra tra le montagne. Il senso di direzione del giro sarà per noi da nord verso sud e percorreremo - in discesa - tratti dai nomi epici come Cavallera e Fadalto.

Percorreremo la sinistra orografica del Piave attraverso strade secondarie poco frequentate, ricche di un fascino forse più sottile di quello dolomitico ma non per questo meno gratificante.

A Codissago, circa all'altezza di Longarone, faremo visita al "museo degli zattieri".

Dalla diga di Soverzene comincia l'unica parte leggermente più difficoltosa perchè su fondo sassoso ma che stupisce per qualità del tracciato e dei paesaggi.

Da santa Croce quindi risaliremo la sella del Fadalto per poi planare su Vittorio da dove riprenderemo il treno.

DETTAGLI:

Ritrovo: stazione ferroviaria di Treviso ore 8,10

Partenza: ore 8,21 con treno bus delle dolomiti

Difficoltà: media, per lunghezza del tragitto e per continui saliscendi.

Percorso: km. 70 circa

Pranzo: al sacco o in locale pubblico (presso il quale faremo la pausa).

Costo: treno bus delle dolomiti andata e ritorno  21,00 + 3,00 per museo degli zattieri + euro 1,00 contributo Fiab

Referente: Marcello 349.7586748

 
Amici della Bicicletta - FIAB, Via Barbano da Treviso 22, 31100 TREVISO | Powered by Joomla! OPENSOURCE GNU/GPL