COMUNICATO STAMPA

*Fiab Coordinamento del Veneto*

 * Il Ministro Delrio anticipa la manifestazione FIAB sulla ciclabile delle  Dolomiti* *Sabato 23 e domenica 24 maggio la preannunciata manifestazione regionale
 della FIAB sulla ciclabile “Lunga via delle Dolomiti”. Giovedì 21 il  Ministro alle infrastrutture e trasporti Graziano Delrio anticipa
 l’inaugurazione di sabato visitando la pista ciclabile realizzata tra  Termine di Cadore e Castellavazzo.*

  Da molti anni la *FIAB del Veneto* (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) promuove e sostiene attivamente lo sviluppo della ciclabilità
 nella zona montana del Veneto e in particolare l'itinerario cicloturistico  conosciuto come *“Lunga Via delle Dolomiti”*.

Per questo ha promosso nel bellunese la grande *manifestazione che si terrà questo fine settimana, il 23 e 24 maggio*, e alla quale
 parteciperanno ciclo-escursionisti della FIAB di tutto il Veneto (sono  previsti pullman, dotati di carrello porta-bici, da Belluno, da
 Verona-Vicenza e da Mestre).

 

 *Sabato 23 maggio* la manifestazione convergerà all’*inaugurazione*, organizzata dalla Provincia di Belluno, del nuovo tratto di ciclabile realizzato
 tra Termine di Cadore e Castellavazzo. E giunge ora la notizia che questa  prossima inaugurazione verrà preceduta, *giovedì 21*, da una visita del *Ministro
 alle infrastrutture e trasporti Graziano Delrio*, accompagnato da *Roberto  Padrin*, sindaco del Comune di Longarone e Castelavazzo e vice-presidente
 della Provincia.

 Il Ministro Delrio, già da sindaco di Reggio Emilia, è noto per aver favorito con provvedimenti concreti e talvolta innovativi l’uso della
 bicicletta, soprattutto come mezzo di trasporto quotidiano in città ma  anche per il cicloturismo. Inoltre per essere sostenitore di molte proposte
 della FIAB e delle associazioni ciclistiche emerse durante gli “Stati  Generali della Bicicletta” anche da lui convocati, in qualità di Presidente
 dell’ANCI, nel 2012 a Reggio Emilia.

 La FIAB del Veneto pertanto accoglie con entusiasmo questa notizia e si augura che sia l’inizio di un coinvolgimento anche governativo nello *sviluppo
 della rete cicloturistica italiana “Bicitalia”*; un “investimento” necessario per far decollare anche nel nostro Paese un’attività, che oltre
 ad essere sana e piacevole per tutti i cittadini, comporta interessanti  ritorni economici nel comparto turistico
(e se ne sono accorti gli
 operatori turistici del Veneto, tanto che si terranno a breve nelle diverse  Camere di Commercio della regione incontri finalizzati allo sviluppo del
 settore cicloturistico).

 Durante la sosta pranzo di sabato, ospiti dell'Ente Fiera di Longarone, Fiab e Provincia di Belluno si incontreranno con esponenti transfrontalieri
 del *progetto Inter-Reg per la ciclabile Monaco-Venezia*, che passerà per  questa ciclovia. A dimostrazione che c’è anche una dimensione internazionale
 e la possibilità per gli operatori locali di intercettare importanti flussi cicloturistici esteri, specialmente dalla Germania e dal nord Europa.

 20 MAGGIO 2015

* PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE*

 *Sabato 23 maggio*

 Da Calalzo a Belluno, inaugurando prima la ciclabile che, uscendo da  Sottocastello (Pieve di Cadore), permette di imboccare la “Cavallera” e  scendere a Perarolo, evitando il pericoloso attraversamento della statale
 in prossimità del ponte Cadore. Un po' più a sud, sarà la volta del punto  più pericoloso, La Gardona, dopo Termine di Cadore, risolto con un'ardita  pista che porta verso il ponte Malcom sul Piave e fa evitare un altro  terribile attraversamento della statale con successiva salita strettissima  verso Castellavazzo. Queste due opere, volute dalla Provincia di Belluno,  grazie all'ex-assessore Toscani, sono state finanziate con fondi europei e
 realizzate solo recentemente, in seguito alle note traversie dell'Ente  Provincia. Grazie a questi interventi, consigliati alla Provincia proprio  dalla FIAB, sull'intero percorso Dobbiaco-Belluno si può ora pedalare in  tranquillità e senza gravi pericoli, ad eccezione dei brevi tratti  irrisolti in comune di Cortina.

 *Domenica 24 maggio*

 Si pedalerà nella parte meridionale della LVdD, da Belluno a Feltre, per  festeggiare la ciclabile Trichiana-Mel, voluta da questi due comuni della  sinistra Piave Valbelluna, anche per dare continuità ai percorsi ciclabili  già realizzati nei comuni contermini di Limana e Lentiai. Il percorso fra  Limana e Busche è ora tutto ciclabile, ma restano da risolvere due tratti  assai pericolosi tra Belluno e Limana e da Busche in direzione Feltre.


 * Richieste FIAB*

 *La FIAB ritiene che il completamento della ciclovia Belluno-Feltre sia la  priorità assoluta nella rete cicloturistica provinciale** e si augura che  a questo scopo convergano gli sforzi comuni di tutti gli Enti locali, con
 l'indispensabile coordinamento a livello provinciale e regionale. *

 *Chiediamo *poi che su tutti i percorsi ciclabili provinciali venga  migliorata e razionalizzata la segnaletica, oggi spesso carente, onde  evitare che i cicloturisti (stranieri e non solo) non riescano ad  individuare i percorsi e finiscano in strade trafficate con pericolose  gallerie.

 
Amici della Bicicletta - FIAB, Via Barbano da Treviso 22, 31100 TREVISO | Powered by Joomla! OPENSOURCE GNU/GPL