Venerdì 27 giugno 2014 ore 18.00

Sarajevo come luogo della memoria e come luogo simbolo del '900.
Il relatore, prendendo spunto dall'attentato di Sarajevo del 28 giugno 1914 cercherà di evidenziare l'evoluzione del quadro internazionale nel  cui ambito andò maturando lo scoppio della Prima Guerra Mondiale; cercherà anche di evidenziare il concetto di “crisi” e i diversi modi per risolverla (o non  risolverla).
Passando attraverso il '900,  Sarajevo nel 1984 sarà sede delle Olimpiadi invernali ospitate dalla Jugoslavia del dopo-Tito ma poi diventerà la città dell'assedio del '92-'95 e quindi  il luogo e il simbolo per eccellenza   della “guerra di Bosnia” e della tragedia della Jugoslavia degli anni '90, primo cruento caso di risistemazione territoriale dopo la “caduta” del Muro di Berlino e la fine dell'assetto geopolitico uscito dalla seconda guerra mondiale.
E poi, ancora, Sarajevo sarà uno dei luoghi delle rivolte bosniache del febbraio di questo 2014.
A corredo verranno anche mostrate alcune immagini di Sarajevo.
Relatore: prof. Stefano Fumarola ( ISTRIT di Treviso - Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano )
L'incontro si svolgerà venerdì 27 giugno 2014 alle ore 18, 00 presso la sala conferenze di Palazzo del Podestà di Treviso - via Calmaggiore, 10 - Galleria Strada romana 10 (campanello “Comune di Treviso”)
INGRESSO LIBERO

 
Amici della Bicicletta - FIAB, Via Barbano da Treviso 22, 31100 TREVISO | Powered by Joomla! OPENSOURCE GNU/GPL