Comunicato stampa 3 giugno 2012

Un morto in bicicletta al mese

Dieci giorni fa, il 23 maggio, è morto un altro ciclista, il sig. Ernesto G. di 66 anni; era stato investito da un camion il giorno prima mentre si trovava in bicicletta nella rotatoria di Silea.
L'incidente, che è costato un'altra vita, è avvenuto in una rotatoria, una di quelle tante rotatorie che i ciclisti (ed i pedoni) temono come vere e proprie trappole, essendo state costruite in molti casi come se ci fossero solo utenti della strada su veicoli a motore; infatti non è un caso che le rotatorie ci vengano segnalate dai cittadini tra i maggiori punti critici della mobilità sostenibile, insieme  alla carenza di piste ciclabili.

Siamo a una triste media: a Treviso e dintorni a partire da marzo è morto un ciclista al mese. Quando finirà? Intanto paghiamo errori e ritardi di chi non ha fatto le scelte giuste in passato.
Il nostro prossimo banchetto per la firma della petizione “Salva i ciclisti”, per il quale seguirà comunicato specifico, lo dedichiamo sin d'ora alla memoria del signor Ernesto, morto perché andava in bicicletta. A lui, e alle vittime del terremoto in Emilia,  dedicheremo anche un minuto di silenzio all’inizio della prossima biciclettata domenicale dell’Associazione.

3 giugno 2012

Ultimo aggiornamento Martedì 05 Giugno 2012 08:43
 
Amici della Bicicletta - FIAB, Via Barbano da Treviso 22, 31100 TREVISO | Powered by Joomla! OPENSOURCE GNU/GPL