COMUNICATO 20 APRILE 2012

EMERGENZA BICI e PEDONI.
“SALVAICICLISTI”  a Roma il 28 aprile.
 

Ormai siamo al bollettino di guerra. Ancora morti.
Dopo la morte in marzo di Maria Judith in bicicletta e di una bambina sul PUT di Treviso, ancora sangue e morte sulle nostre strade a seguito di gravi incidenti che hanno visto come vittime due ciclisti: la settimana scorsa è stato travolto  in viale della Repubblica a Treviso il noto oculista Roberto C. B., che è finito in rianimazione, questa settimana è stato travolto – ancora a Treviso - davanti alla stazione l’anziano sindacalista Bruno R., che purtroppo è deceduto dopo due giorni.

 Facciamo i nostri auguri a Roberto C. B. e le nostre condoglianze alla famiglia di Bruno R.  Ma vogliamo ricordare ai responsabili della cosa pubblica che la sicurezza della mobilità deve essere assunta come emergenza assoluta e prioritaria: secondo dati della Polizia Locale riportati sulla stampa, nel 2011 ci sono stati 48 pedoni investiti (28 nel 2010) e 139 ciclisti investiti (95 nel 2010); sono numeri indegni di un Paese civile.

 Abbiamo già indicato le nostre proposte: una rete capillare di buone piste ciclabili che garantisca la mobilità in bicicletta e zone 30 per una città a misura d’uomo; e chiediamo anche un efficace controllo del rispetto dei limiti di velocità esistenti.  Chiediamo ancora una volta fatti concreti e continueremo a farlo finché non avremo raggiunto l’obiettivo.  Intanto una nostra rappresentanza parteciperà alla manifestazione nazionale “SALVA I CICLISTI” che si terrà a Roma sabato 28 aprile; e invitiamo tutti, semplici cittadini, politici ed amministratori,  ad aderire all’appello stesso.

20 aprile 2012

 
Amici della Bicicletta - FIAB, Via Barbano da Treviso 22, 31100 TREVISO | Powered by Joomla! OPENSOURCE GNU/GPL