COMUNICATO STAMPA 9 MARZO 2012

ANCORA UN MORTO IN BICI. ADESSO BASTA! 

Il 6 marzo scorso a Preganziol, sul Terraglio,  una donna è stata travolta e uccisa all’istante da un camion mentre si recava in bicicletta a lavorare a Treviso. E’ morta una donna vera, Maria Judit R. G. , una persona che fino al giorno prima potevi incontrare, una moglie, una madre, una lavoratrice, non un semplice numero per le statistiche e qualche riga per un articoletto di cronaca.

Nel mentre siamo vicini alla famiglia di Maria Judit, vogliamo chiarire che la pazienza è finita. Noi cittadini vogliamo e pretendiamo che ci si possa muovere in bicicletta, mezzo ecologico, economico e salutare, in tutta sicurezza  su piste ciclabili separate dalla viabilità motorizzata.
E’ compito della politica dare risposte vere, concrete  ed immediate. A tutti i livelli, senza scuse, senza rimpalli di competenze. E non vogliamo più sentire parlare di fatalità.

Sabato 17 andremo a Preganziol in bicicletta per poi concludere simbolicamente il viaggio interrotto di Maria Judit (seguiranno i dettagli).

 
Amici della Bicicletta - FIAB, Via Barbano da Treviso 22, 31100 TREVISO | Powered by Joomla! OPENSOURCE GNU/GPL