DOMENICA 17 APRILE 2011

Alla scoperta di sorgenti, luoghi della grande guerra
e piante commestibili conosciute

StorgaPartendo dalla stazione ferroviaria di Treviso attraversiamo la città. Costeggiamo per un tratto lo Storga e attraverso strade secondarie immerse nella campagna arriviamo in località Fontane Bianche, famosa per le sue risorgive e sorgenti del fiume Melma, nonché per le numerose ville fine settecento, che si trovano lungo i suoi fiumiciattoli.

Avendo per un tratto per compagna la ferrovia raggiungiamo S. Sisto e Varago per poi “intrufolarci“ in un tratto di strada ricavato dal greto di un paleo fiume che ci porterà a Maserada.
Al Museo della Grande Guerra, Giuliano Bottani ci aiuterà a rispolverare le nostre conoscenze storiche utili per comprendere meglio i fatti avvenuti nelle due località che andremo a visitare.
Attraversando il paese caratteristico per i muri fatti di sassi, arriviamo a Salettuol e costeggiando per un tratto sterrato la Piave arriviamo al Mulino della Sega, entrambi luoghi di sanguinose battaglie, dove anche Alfonso Beninatto, autore dell’ omonimo libro, ci racconterà i risvolti più cruenti.
Ultima pedalata attraverso un tratto di centuriazione romana, finalmente arriviamo alla Pro Loco di Breda di Piave dove Tiziano Zordan, autore di un interessante libro/ricettario sulle erbe spontanee commestibili, ci preparerà una appetitosa pasta fatta con le erbe da lui raccolte.
Dopo un rigenerante pranzetto e un meritato riposo Tiziano ci accompagna attraverso il sentiero naturalistico del “bosco degli ontani” a Vacil per vedere uno degli ultimi “fontanassi” ed infine all’interno del Parco dello Storga.

  • RITROVO: stazione dei treni di Treviso alle ore 7.30;
  • PARTENZA: ore 7.45 in bici;
  • RIENTRO: in bici con arrivo a Treviso alle ore 18,00 circa;
  • PERCORSO: 60 km. interamente pianeggianti con tratti di sterrato;
  • BICICLETTA: Citybike o MTB con camera d’aria di scorta;
  • COSTO: 3 euro;
  • PRANZO: 7 euro
  • REFERENTE: Stefania cell. 340/2556321  ab. 0422/90006;
  • ISCRIZIONI: in sede, via Barbano da Treviso, (lungo la Restera ) il venerdì dalle 18.00 alle 19.00 o contattando il referente.

 


Scarica la brochure della gita

 

 

Si raccomanda: durante le escursioni si è tenuti a rispettare il codice della strada - l’uso del casco non è obbligatorio ma consigliato. L’Associazione declina ogni responsabilità per danni recati a cose e persone. La cicloescursione non è una iniziativa turistica organizzata, bensì un’attività esclusivamente ricreativa – ambientale – culturale, svolta per il raggiungimento degli scopi statutari dell’Associazione.

Ultimo aggiornamento Martedì 03 Maggio 2011 07:35
 
Amici della Bicicletta - FIAB, Via Barbano da Treviso 22, 31100 TREVISO | Powered by Joomla! OPENSOURCE GNU/GPL