Domenica 19 maggio 2019
Il percorso è stato ideato e tracciato dal nostro socio Giorgio G. che ringraziamo.
ll castello del Catajo (Ca' del Tajo) deve la sua costruzione alla famiglia Obizzi originaria della Borgogna. Essa si può considerare nella storia italiana una famiglia di capitani di ventura giunti in Italia a seguito dell'imperatore Arrigo II nel 1007.


Successivamente, in un periodo di pace, Pio Enea I degli Obizzi (il quale impose il nome all'obice, il canone d’assedio) attratto dalla bellezza dei Colli Euganei decise di costruire un palazzo adeguato alla gloria della famiglia ampliando la precedente casa materna costruita nei primi 10 anni del cinquecento, oggi chiamata casa di Beatrice. Esso fu ideato dallo stesso Pio Enea avvalendosi dell'aiuto dell'architetto Andrea Da Valle e sta a metà tra il castello militare e la villa principesca. La parte più imponente del Castelvecchio fu costruita in soli tre anni tra il 1570 e il 1573, anche se diversi ampliamenti furono compiuti fino alla seconda metà del XIX secolo. All'inizio erano previste pitture solo sui muri esterni (ora solo parzialmente leggibili) ma nel 1571 Pio Enea chiamò Giambattista Zelotti, discepolo di Paolo Veronese, ad affrescare le pareti interne con le gesta della sua famiglia dando vita ad uno dei più spettacolari cicli di affreschi delle ville Venete.
La nostra avventura sui colli Euganei comincerà quindi nei pressi del castello a Terme Euganee dove arriveremo col treno o con la macchina. Piccola sosta e poi partenza per i colli e gli argini del Bacchiglione. Arriveremo quindi con calma verso le 13 ad Arquà Petrarca. Il paese del Petrarca ci accoglierà con un cartello domenicale con scritto “vietato l'accesso alle bici” (secondo il gestore del bar del centro) ma noi proseguiremo lo stesso, così fan tutti. Arrivando in piazza visiteremo il Duomo con pregevole affresco pregiottesco, e all’esterno la tomba del poeta.
Pranzo al sacco o al caffè del centro che ospita i ciclisti nei pressi della chiesa e poi ci tufferemo in discesa verso il castello del Catajo. L'apertura per la visita è alle 15:00, l'ingresso € 9,00. I gruppi non hanno lo sconto per questo motivo l'ingresso sarà individuale. La visita guidata dura 45 minuti per i sei saloni affrescati (le stanze in tutto sono 350). Nel biglietto è compresa anche la visita ai giardini del Castello. Dopo la visita in breve arriveremo alle auto o al treno.
Dettagli:
Ritrovo 1: ore 7.45 presso parcheggio BINGO/CISALFA sul Terraglio Strada Terraglio, 56 - Treviso per le auto
Ritrovo 2: ore 7.45 Stazione FS Treviso.  Partenza 8.07, Mestre a. 8.32. Cambio p. 8.54. Arr. Terme Eug. 9.20
Ritrovo 3: ore 9.10 via Mezzavia 45 - Montegrotto Terme di fronte Chiesa di San Gregorio Barbarigo 45.3256446695, 11.805557582
Ritorno in treno: ore 15,36 oppure 16,34 oppure 17,34 o 18,34. Percorrenza un'ora come all'andata con cambio a Mestre
Costo del treno biglietto Treviso - Terme Euganee A/R 12,80+3,50 bici= 16,30 Euro a persona.
Percorso: 50 km. Difficoltà media. Due salitelle brevi, ma ripide. 400 metri di dislivello in tutto. Bici normale o MTB. Copertoni in ordine e cameradaria di riserva.
Pranzo: al sacco oppure in osteria del luogo. Consigliato bar "al Centro" in Piazza Petrarca. Enormi bruschette.
Costo: 3,00 euro contributo Fiab; 9,00 euro ingresso al Castello
Iscrizioni: contattando il referente Daniele 331 4787035
L'escursione è riservata ai soci FIAB 2019
Durante le escursioni si è tenuti a rispettare il codice della strada o rimanere sui sentieri. L'associazione declina ogni responsabilità per danni arrecati a cose e persone. L'escursione non è una iniziativa turistica organizzata, bensì un'attività esclusivamente ricreativa-ambientale-culturale, svolta per il raggiungimento degli scopi statutari dell'Associazione.